Pietro Valle

Second Nature
A new urban ecology to reoccupy the post-industrial abandonment in Marghera

Valle image

Professor: Pietro Valle

http://www.architettivalle.net

EN The derelict brownfield sites of Marghera can be re-imagined with a urban project lead by the vision of a Second Nature: it starts from the re-use of wasted land to ignite a flexible growth able to self-support itself with the employ of alternative sources of energy, open to social mixture and multifunctional activities. This new city will appear as a flexible fabric that absorbs existing structures by recontextualising them.

This new part of the city will no longer have the characteristics of the old mono-functional productive areas that “waste land” but will consist of flexible areas capable of accommodating dwellings, small-scale production, offices, services, private and public green landscape. The course wants to define a new “urban density” that absorbs different functions, and will be characterized by an environmental form “open” to changes in time.

The project will start from seven key words that emerged during last year’s workshop experience to develop concepts able to imagine a new extended part of the city. Notions of urban ecology, re-use of wasted resources and the study of flexible building fabrics will be implemented. The key words are:

– Clean System
– Garden City – City Garden
– Interstitial Economy
– Green Infill
– Stitching
– Tetris
– Waste as Resource

The site is the industrial edge east of Via Fratelli Bandiera and facing the Western Industrial Canal: Grandi Molini Italiani and the Ex-SAVA. These areas are occupied by large semi-abandoned industrial structures and form a monumental waterfront filled with enormous ruins: how to absorb these structures within a new and different context?

IT È possibile ripensare le aree industriali abbandonate di Marghera secondo un approccio alla progettazione urbana guidato da un’idea di Seconda Natura: si parte dal riutilizzo dei terreni in disuso per innescare una crescita flessibile in grado di autosostenersi grazie all’impiego di fonti energetiche alternative, aperte alla commistione sociale e ad attività multifunzionali. Questa nuova città apparirà come un tessuto flessibile, capace di assorbire le strutture esistenti attraverso la loro ricontestualizzazione.

Questa nuova porzione di città non avrà più le caratteristiche delle vecchie aree produttive mono-funzionali che “sprecano territorio”, ma consisterà in aree flessibili in grado di ospitare abitazioni, centri produttivi su piccola scala, uffici, servizi, zone di verde pubbliche e private. Il corso aspira a definire una nuova “densità urbana” che assorba differenti funzioni, e che sarà caratterizzata da un formato ambientale “aperto” a variazioni nel corso del tempo.

Il progetto partirà da sette parole chiave che sono emerse durante l’esperienza del workshop dello scorso anno, in cui si è lavorato sulla messa a punto di concetti utili per prefigurare l’estensione di una nuova parte di città. Saranno utilizzate le nozioni di ecologia urbana, riutilizzo di materiali di scarto e studio di tessuti costruttivi flessibili. Le parole chiave sono:

– Sistema di depurazione
– Città Giardino – Giardino Città
– Economia Interstiziale
– Implemento di aree verdi
– Cucitura
– Tetris
– Rifiuto come risorsa

Il sito è il margine della zona industriale a est di Via Fratelli Bandiera, di fronte al Canale Industriale ovest: Grandi Molini Italiani ed Ex-SAVA . Queste aree sono occupate da grandi strutture industriali in stato di semi-abbandono, che danno luogo a un monumentale paesaggio costiero pieno di enormi rovine: come assorbire tali strutture all’interno di contesto nuovo e differente?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s